venerdì 17 giugno 2011

Accedere a siti bloccati

Può capitare, a volte, di voler accedere a un sito, oppure a un servizio su un sito, e scoprire che il sito o il servizio in questione è per noi inaccessibile. Succede soprattutto se ci stiamo collegando dal computer dell’ufficio, della scuola o di una biblioteca, ma può succedere anche quando ci colleghiamo dal nostro computer di casa. Il blocco stesso ci può comparire in forme diverse: a volte è un semplice avviso, che vi segnala che noi non possiamo accedere a quel sito o a quel servizio; a volte la pagina tenterà di caricarsi, ma il solo risultato sarà un classico messaggio di “Impossibile accedere”, senza specificare il motivo. Il motivo, però, è chiaro: quel sito è bloccato.
Perché bloccare un sito? Le ragioni sono diverse. In certi casi, quei siti sono considerati non attinenti con quello che dovreste fare: è l’esempio degli uffici, delle scuole e delle biblioteche che bloccano l’accesso a siti di svago o a social network, perché ritenuti una perdita di tempo e una distrazione dalle attività di studio o lavoro. In altri casi, un certo servizio online è disponibile solo per gli abitanti di un’area geografica: è il caso delle trasmissioni in streaming della Rai, per esempio, che sono visibili soltanto ai residenti in Italia. Un ultimo caso, ben più serio, è quello della censura governativa: molti paesi (anzi, quasi tutti) adottano un sistema più o meno rigido per filtrare la navigazione dei propri abitanti, bloccando gli accessi a siti che sono considerati contrari alle leggi in vigore nei rispettivi stati. Senza scomodare la Cina, possiamo guardare in casa nostra e accorgerci che, per esempio, tutti i siti di scommesse non approvati dall’AAMS sono bloccati, così come sono bloccati dalla censura italiana anche alcuni siti di torrent, quali ThePirateBay e Btjunkie.
Possiamo dunque individuare tre tipi fondamentali di blocco:
-blocco degli accessi in base a una “lista nera” di siti, operato da reti private;
-blocco degli accessi in base all’origine del collegamento;
-blocco degli accessi in base a una “lista nera” di siti, operato da filtri governativi.

Il primo caso è quello delle reti di uffici, scuole, biblioteche o altro. Chi le ha programmate, ha anche inserito una lista di siti a cui non è consentito l’accesso. Le possibilità di aggirare il blocco e accedere lo stesso a siti vietati dipendono dalla cura con cui la rete stessa è stata progettata: di solito, un modo per aggirarle lo si trova sempre.
Il più semplice è Google. Chi mai bloccherebbe l’accesso a Google, in un ufficio o in una scuola? Nessuno! Eppure, Google ci offre alcune scappatoie per aggirare un blocco, disponibili anche per chi sa poco o nulla di computer. Per esempio, possiamo accedere alla copia cache di una pagina, come già spiegato: è possibile che non sia aggiornata al giorno stesso, ma se dobbiamo leggere una pagina o un articolo, sarà più che sufficiente. Un altro sistema, sempre con Google, è di ricorrere al suo traduttore: copiamo l’indirizzo della pagina a cui vorremmo accedere, inseriamola nel traduttore ed ecco che la pagina si aprirà. In entrambi i casi, la spiegazione è semplice: il filtro della rete ci impedisce di accedere direttamente a quella pagina, ma non impedisce a Google di accedere. Quindi, noi accediamo a Google e sfruttiamo un servizio di Google per far accedere Google stesso alla pagina che ci interessa.
Un altro sistema, più complicato, è quello di utilizzare un proxy. Ho già spiegato in altre pagine come funzionano i proxy, per cui non mi dilungherò qui nel ripeterlo; a ogni modo, anche in questo caso si tratta di un accesso indiretto al sito bloccato. Noi ci colleghiamo al proxy ed è poi il proxy a collegarsi al sito che ci interessa. E il blocco è aggirato.
Se infine non ci accontentiamo e vogliamo un sistema ancora più sicuro, allora c’è per noi Tor Browser, altro programma di cui ho già parlato. Lo possiamo tenere su una chiavetta, collegarla alla presa USB del computer e poi usarlo per navigare in modo anonimo e alla faccia di qualsiasi blocco.

Il secondo caso di blocco è quello in base all’origine del nostro collegamento. Ogni volta che ci colleghiamo a internet, infatti, ci viene assegnato un indirizzo IP, che è l’indirizzo a cui si trova il nostro computer. Il sito in questione controllerà l’IP del nostro computer, quando proviamo ad accedere, e ne osserverà l’origine: se l’IP non appartiene al paese a cui è consentito l’accesso, allora saremo bloccati. Come è facile immaginare, per aggirare un sistema di controllo come questo si può utilizzare un proxy. Basta sceglierne uno che appartenga al paese a cui è consentito l’accesso, usarlo ed ecco che potremo entrare. Se l’accesso è permesso solo ai residenti in Italia, usiamo un proxy italiano; se è solo per i residenti in Francia, usiamo un proxy francese. E così via.

Il terzo caso, ossia il filtro governativo, è ovviamente il più complicato da aggirare. Dipende molto da quanto rigidi sono i filtri e da quanto sono stati programmati con cura. Per accedere, o almeno per vedere, siti bloccati dal governo italiano, spesso è sufficiente utilizzare le funzioni di Google che ho già presentato prima: la copia cache, oppure il traduttore. Se poi vogliamo anche interagire col sito in questione, allora possiamo ricorrere a un proxy e non avremo problemi.
Governi più seri, invece, utilizzano anche sistemi più difficili da aggirare e Google non basterà più. Anche un proxy normale potrebbe non bastare. In quel caso, Tor può essere un valido aiuto, sia nella versione “portatile”, ossia Tor Browser, sia nella versione integrata con Vidalia. In aggiunta, Tor ci garantisce anche un alto livello di anonimato, che è sempre utile quando abbiamo a che fare con governi che amano la censura e il controllo delle informazioni. Risultati anche migliori si possono ottenere unendo Tor e un sistema come Privoxy, per aumentare soprattutto la sicurezza personale: è sempre meglio andarci molto cauti e usare una protezione in più, in certi casi...

4 commenti:

  1. Ho cercato di seguire i tuoi consigli, ma nessuno di questi funziona. Io sono in una azienda che blocca alcuni siti e non sono riuscito, se non temporaneamente a bypassare i blocchi. I siti che forniscono un proxy free sono bloccati, anche Google traduttore è bloccato. Non ho i privilegi di amministratore e quindi non posso istallare niente e alcuni programmi che non siistallano non me li fa scaricare considerandoli dei virus (es UltraSurf. Tutti i metodi suggeriti non funzionana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dubito quindi che ti sia permesso lanciare programmi da una chiave USB, oppure modificare le impostazioni del browser e inserire l'indirizzo di un proxy. Alcuni programmi, come Tor browser, sono scaricabili come cartelle compresse e possono poi essere utilizzati da supporti esterni, ma suppongo che anche questo sia bloccato. Allo stesso modo, programmi alternativi a UltraSurf saranno con tutta probabilità bloccati allo stesso modo e considerati come virus.
      Anche siti come anonymouse.org sono bloccati? Non è espressamente un web proxy, ma di fatto funziona allo stesso modo...

      Elimina
  2. Ciao Adriano, io ho cambiato modem di casa e da quando l'ho installato nonriesco più ad accedere ai siti dove scaricare musica. Ho chamato Telecom ma dicono che loro non hanno bloccato niente. Come poso fare per tornare a scaricare i miei album di musica metal? Ho un mac
    Grazie Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un certo numero (crescente) di siti è stato bloccato in Italia dalla guardia di finanza o da ordinanze di vari tribunali: quando succede, nella maggior parte dei casi il sito non si carica e basta, senza dare indicazioni sul motivo. In questi casi, il problema si risolve utilizzando un proxy non italiano.
      Nel tuo caso, il blocco si è verificato soltanto dopo aver cambiato modem? E si verificano con qualsiasi browser? Dovresti comunque poter raggiungere quei siti utilizzando un proxy, ma è strano che tutto sia cominciato al cambio di modem.

      Elimina